PubbliCittà. Percorsi sinestetici tra parola e immagine

Se vivete a Roma o avete la possibilità di andarci per qualche giorno, non potete perdere PubbliCittà (dal 19 Novembre al 23 Dicembre).

Questa iniziativa è organizzata con il contributo di Roma Capitale nell’ambito del ciclo di eventi Contemporaneamente 2019 e vede come promotori Filosofia in Movimento e Kappabit, realtà culturali particolarmente attive che da dieci anni portano avanti la diffusione del sapere filosofico coniugando una ricerca accademica di altissima qualità con mezzi di comunicazione informali.

Tema centrale della manifestazione è il rapporto tra parola e immagine. Verrà usata come punto di partenza l’esperienza della Neoavanguardia italiana e, in particolare, della Poesia Visiva fondata negli anni ’60 dall’artista Lamberto Pignotti. Frutto degli esiti positivi di “Arte per fraintenditori”, un progetto-mostra svoltosi lo scorso inverno, sarà possibile addentrarsi nel bizzarro processo subito dall’arte contemporanea, sempre più in balia di un discorso sull’arte piuttosto che fruizione del “bello”. Le opere di Pignotti, allora come oggi, richiedono solo un atto di fraintendimento piuttosto che di comprensione autentica. Cosa fa di Duchamp un artista? Cosa fa del suo orinatoio un’opera d’arte? La risposta sta nei discorsi dei critici e nella loro creazione di un filo narrativo.

L’argomento sarà sviscerato e approcciato in differenti modi, così da coinvolgere più ambitidisciplinari: filosofia, arti visive, sociologia e teatro, il tutto arricchito da incontri, workshop, azioni artistiche e seminari nelle scuole superiori.

Opera di Lamberto Pignotti

A riconferma della compenetrazione fra ricerca intellettuale e informalità comunicativa, saranno affisse nel centro storico di Roma, nel suggestivo quartiere Monti a due passi dal Colosseo, alcune opere scelte dell’artista Pignotti. 

In più, un’opportunità imperdibile per chi voglia visionare i manifesti in un’unica volta: saranno esposti alla Galleria CONTACT artecontemporanea dal 7 al 23 dicembre così da poter avere una visione d’insieme del progetto.

A tutto questo si affianca il fittissimo programma di conferenze tenute da relatori di altissimo livello che lavorano presso enti di alta formazione tra cui l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e “La Sapienza”, l’Università degli Studi di Perugia, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e l’Università degli Studi di Catania.

Parteciperanno al progetto la Fondazione Filiberto e Bianca Menna e il Circolo Walter Benjamin che si occuperanno del ruolo della parola nella Neoavanguardia italiana e nella società ipercomplessa.

Nel link in basso potrete trovare il programma completo della manifestazione.

http://filosofiainmovimento.it/wp-content/uploads/2019/11/pubblicitta_programma_a4.pdf

Nicole Zoi Gatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: