Il vuoto dentro di Giacomo Balzano

Da sempre l’uomo è pervaso da un senso di vuoto. Una macchia d’olio invisibile che si staglia nel suo animo. Da sempre l’uomo desidera, cerca, trova e non è soddisfatto, e allora desidera ancora, ricerca, ritrova, in un ciclo senza fine. Ed è lì con questo peso sul cuore perenne.

Il vuoto dentro di Giacomo Balzano, edito da Besa editrice, è la storia di Gianni, analista, e di Marco, suo paziente, un ragazzino dall’intelligenza sopra la media, affetti entrambi da questo vuoto dell’animo.  Gianni è un uomo alla ricerca di qualcosa, spesso molto solo, in difficoltà con sua moglie. Marco, adolescente iperdotato, vive una situazione famigliare devastante che lo porta a creare un proprio rifugio personale fatto di libri, scrittura e visioni angeliche.

Il rapporto che si creerà fra i due, alcune scoperte e anche apparizioni, metteranno in discussione le certezze su cui l’analista basava la sua vita, portandolo ad un cambio di prospettiva.

In questo romanzo, dalla scrittura scorrevole, ritmica e musicale, Balzano riesce a parlarci  e ad evocare diversi temi, dall’amore, alle incertezze, al vuoto, al rapporto con la famiglia, alla complicata adolescenza. Un libro che scava nel passato, nei ricordi, nella solitudine, nel dolore, con una protagonista silenziosa, la città di Bari, con i suoi luoghi, le sue luci ed il suo mare, così malinconico.

Balzano riesce a farci empatizzare fin da subito con Marco, con la sua storia e la sua sofferenza, legata al rapporto difficile e complesso con la sua famiglia, con un padre poco presente e spesso aggressivo e una madre umorale e persa nel suo oblio. Lo scrittore non solo attraverso l’esperienza di Marco, ma anche grazie a Gianni, al suo passato e ai suoi “amici di boxe”,  ci parla del legame genitori-figli, dei suoi problemi e delle sue conseguenze sul nostro essere. Una corda che spesso è ben tesa e può spezzarsi da un momento all’altro. Tema strettamente legato a quello dell’amore, non solo materno, paterno o fraterno, ma anche fra un uomo ed una donna, un amore passionale, fatto di una magia irrazionale, che va oltre qualsiasi cosa.

La famiglia, l’amore ma anche l’adolescenza, con la sua complessità, difficoltà che Marco è costretto ad affrontare all’interno di una società che ci risucchia e ci depersonalizza, non accettando chi è diverso.

Un romanzo in cui ognuno di noi può rispecchiarsi e trovarsi, per riflettere su ciò che attanaglia l’uomo e lo costringe ad un vagare incerto per cercare di colmarlo.

Ilaria Amoruso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *